Quando abbiamo un conflitto con un’altra persona spesso usiamo argomentazioni con le quali tentiamo di porre noi stessi nella posizione di Maggiore, collocando l’altra persona nella posizione di minore: facciamo di tutto per vincere e facciamo sì che l’altra perda. Usiamo un tipo di comunicazione che potremmo definire superficiale.
Tentiamo di dimostrare e di convincere che abbiamo ragione e che l’altra persona ha torto. Pensiamo e diciamo che noi siamo brave persone e che l’altro è il cattivo.
Si può arrivare ad una escalation, ad un continuo rimbalzare tra chi è in posizione minore e cerca di porsi in posizione di Maggiore e il Maggiore che fa di tutto per difendere la propria posizione dominante. Questo è quello che si chiama sistema Maggiore/minore.

C’è un altro sistema, quello dell’Equivalenza; in questo caso si usa qualcosa di assolutamente diverso: i fondamenti.

I fondamenti rappresentano una modalità di confronto più profonda, essi rendono possibile il fatto che due punti di vista differenti e in contraddizione coesistano senza bisogno che uno sia dichiarato giusto e l’altro sbagliato. Fanno sì che sia possibile che entrambe le parti, entrambi i punti di vista si sentano rispettati e che si inizi un processo che porti ad una soluzione nonviolenta che realmente e profondamente soddisfi tutti.
I fondamenti sono la risposta alla domanda “perché qualcuno ha proprio quel punto di vista”. I fondamenti possono essere bisogni, sentimenti, valori, abitudini, scopi o interessi di quella persona o gruppo di persone. Molto importante per i fondamenti è il modo in cui sono formulati: devono essere messaggi e devono essere detti seguendo regole rigorose.

I fondamenti non sono mai positivi o negativi. Essi semplicemente sono. Quindi se per caso dicendoli vi accorgete che state esprimendo un giudizio, state ridendo di qualcuno di essi o pensando che non è vero o qualcosa di simile, significa semplicemente che non li si sta leggendo come fondamenti: li si sta trasformando in argomentazioni negative e quindi si sta tornando al sistema Maggiore/minore.

Dentro il sistema Maggiore/minore non si possono ottenere soluzioni. Può solo avvenire che uno vinca e conquisti l’altro. L’altro perciò si sente sconfitto, messo in una posizione di minore e comincerà da quel momento in avanti a preparare ed alimentare la sua vendetta, il passo successivo nell’escalation, cioè a mettere se stesso nella posizione di Maggiore. Questo successivo passo può a volte richiedere un lungo tempo prima di realizzarsi o può verificarsi in tanti piccoli episodi. Ma avverrà comunque in qualche momento e in qualche modo. D’altra parte con il sistema dell’Equivalenza si possono raggiungere soluzioni reali. Sono costruite a partire dalla considerazione di tutti i fondamenti di entrambe le parti coinvolte. Spesso non sono semplicemente un elemento, ma un insieme creativo e articolato di elementi diversi, che insieme soddisfano i bisogni di entrambe le parti.

Comments are closed.